PPlive e il P2P di Youtube

Scritto da Giammy in P2P-Tv

Sembrava defunto, senza alcuna attrattiva, PPlive, che due anni fa dominava la scena dei software P2PTv, e invece il progetto è ripartito. I capoccioni di Singapore hanno sviluppato un acceleratore flash che permetterà di distribuire qualsiasi video di siti come Youtube tramite la tecnologia P2P.

PPVA, il nome del nuovo software, per ora disponibile in beta solamente per windows ed in lingua cinese, ma è annunciato che la prima beta in lingua inglese sarà rilasciata tra circa un mese. PPVA consiste in un piccolo plugin che rimane inattivo finchè non rileva un flusso flash, a quel punto va a ricercare gli altri utenti che stanno visualizzando quello stesso flusso e stabilisce una connessione con i peer rilevati proprio come accade in PPlive.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Joost apre un web based client

Scritto da Giammy in Joost, P2P-Tv

Joost, iniziativa ideata e sponsorizzata da Janus Friis e Niklas Zennström, ha deluso fin dall’inizio tutte le aspettative nei suoi confronti. Il suo insuccesso tempo fa aveva fatto addirittura parlare di una chiusura prematura del progetto (poi smentita), ma ora i proprietari, consci di dover fare qualcosa per rilanciarlo, hanno preso una decisione drastica. Joost non esisterà più come software, ma solo come applicazione web based utilizzabile grazie ad un semplice plugin.

Questa pare, a mio avviso, la decisione più appropriata per guadagnarsi quanti più utenti in più possibili, poichè una applicazione via web è molto più immediata di un software pesante e adatto solamente a pc di nuova data come è stato fino ad adesso.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Olimpiadi Rai in streaming, impressioni

Scritto da Giammy in Web Tv

Dopo i piccoli problemi dei primi due giorni, il portale Rai che trasmette le Olimpiadi con ben otto canali live a disposizione ha funzionato come previsto.

La rete statale si è subito sbrigata a rendere noto a tutti il massiccio utilizzo di codesto portale, che raggiunge quasi gli ascolti di una tv in chiaro (si parla di quasi due milioni di pagine viste e di 877 mila richieste per l’offerta simulcast solo nella giornata di mercoledì). Il grande successo di pubblico è giustificato da una ottima offerta, superiore anche alle concorrenti europee inglesi, tedesche e francesi.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Cosa sta uccidendo la P2PTv?

Scritto da petrescu in Babelgum, IPTV, Joost, NonSoloStreaming, P2P-Tv, Video

Scrivo questo post di riflessione, prendendo spunto da un articoletto letto sul blog di Michele Colitti, DTT e IPTV: chi ci rimette è il P2P; nell’articolo si sostiene che DTT e IPTV, per quel poco fruibili che sono sul territorio italiano, stanno uccidendo quel briciolo di credibilità che è rimasto della p2ptv. In realtà non sono d’accordo per diversi motivi e vedo anche un’altra possibile causa del tracollo della p2ptv.

1. Copertura ADSL
Michele si lamenta della scarsa copertura ADSL che non permetterebbe in Italia di usufruire al meglio del p2p e della p2ptv. Tantomeno dell’IPTV. I dati più recenti che ho trovato, relativi a settembre 2006, riferiscono una copertura del territorio nazionale pari al 90%. Non sarà il 100% , ma non mi sembra un dato malvagio. Il DTT è ancora poco diffuso, è vero, ma se così fosse come farebbe ad uccidere la p2ptv?

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

EZTV e P2P Next incoronano SwarmPlayer

Scritto da petrescu in P2P-Tv

Sul fatto che la maggior parte del p2p sia illegale non ci piove. Questo non toglie che ci siano sempre più piattaforme che cercano di sfruttare questa tecnologia per la diffusione di materiale non protetto. L’esempio più lampante del momento è P2P Next, progetto open source, finanziato con ben 22 milioni di euro dall’Unione Europea e 5-6 dalla BBC.

La notizia che colpisce è che anche EZTV, come P2P Next, vuole utilizzare SwarmPlayer per diffondere stream e dati; un player che usa file torrent leggermente modificati (.tstream) che permettono appunto di diffondere via torrent contenuti in streaming.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Ultimi Commenti