PPlive e il P2P di Youtube

Scritto da Giammy in P2P-Tv

Sembrava defunto, senza alcuna attrattiva, PPlive, che due anni fa dominava la scena dei software P2PTv, e invece il progetto è ripartito. I capoccioni di Singapore hanno sviluppato un acceleratore flash che permetterà di distribuire qualsiasi video di siti come Youtube tramite la tecnologia P2P.

PPVA, il nome del nuovo software, per ora disponibile in beta solamente per windows ed in lingua cinese, ma è annunciato che la prima beta in lingua inglese sarà rilasciata tra circa un mese. PPVA consiste in un piccolo plugin che rimane inattivo finchè non rileva un flusso flash, a quel punto va a ricercare gli altri utenti che stanno visualizzando quello stesso flusso e stabilisce una connessione con i peer rilevati proprio come accade in PPlive.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Ecco come Internet cambia la tv

Scritto da Giammy in NonSoloStreaming, P2P-Tv, Video, Web Tv

Ormai sono sempre di più gli italiani che hanno una linea adsl e fanno uso costante di Internet, destinato a diventare (ed in alcuni Paesi già lo è) il più grande media di informazione.

In contemporanea a questo i software Peer To Peer sono sempre più utilizzati e contengono sempre più dati: parlando di tv quindi principalmente film e telefilm. Inoltre negli ultimi tempi si sta affermando il “fan subbing”: un movimento di persone che non vogliono aspettare la messa in onda in Italia o odiano gli adattamenti e il doppiaggio, e preferiscono creare loro stessi i sottotitoli in italiano e metterli in libera fruizione in rete.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

P2PTv: davvero utile o specchio per le allodole?

Scritto da nanduzzo in P2P-Tv

Quest’oggi non voglio parlarvi, cari lettori, di servizi nuovi o guide su mille e più programmi, ma, come sono solito fare ogni tanto, vorrei proporre un qualcosa di diverso, e vi vorrei quindi esporre una mia analisi, che mi fa più piacere chiamare “discorsetto” sulla P2PTv.

Il tutto perchè, constato nella rete, pareri discordanti sull’argomento; il mio è di certo un pensiero di parte, da appassionato, ma sono convinto che la P2PTv non sia niente di ciò che possa essere definito un aspetto campato in aria, o addirittura falso, dello streaming.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

L’UE finanzia il P2P per lo streaming

Scritto da nanduzzo in NonSoloStreaming, P2P-Tv

E’ recente la notizia di un nuovo finanziamento dell’UE. Non si tratterà, però, di sostegno agli imprenditori o di rifinanziamento per le opere pubbliche, ma si parlerà di finanziamenti a quello che, fino alla diffusione di questa notizia, occupava ruoli marginali nei palazzi di Bruxelles.

Il finanziamento, che si aggira sui 15 milioni di euro, è un mezzo di promozione per il P2P. Il gruzzolo servirà infatti per sviluppare un programma P2P basato sulla rete torrent che permetterà il supporto dello streaming live. Il progetto P2P Next sarà basato sul già esistente social client Tribler e, oltre allo streaming, implementerà diverse funzioni.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Anche il p2p dice “on demand”

Scritto da petrescu in NonSoloStreaming, Video, Web Tv

GraficoGirovagando per la rete, ho trovato una piccola grande conferma della mia teoria che vado propinando qua e là per il web: la tv del futuro è on demand. L’utente scarica ciò a cui è interessato e poi si gode i suoi bei contenuti quando e dove vuole, senza sottostare, in questo modo, ai rigidi palinsesti televisivi. Praticamente il futuro è il podcasting.

Non tutti (anzi molto pochi), però, offrono i propri contenuti per poterne usufruire nel modo appena descritto; qualcosa si muove con Hulu e SyncTv (e secondo voi potevano essere gli italiani?), ma per il resto buio totale: Rai sta cercando di rinnovarsi, ma arranca e Mediaset propone furbescamente i suoi migliori (?) podcast a pagamento (chissà perché ha fatto pressioni su Vcast…).

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Ultimi Commenti