Archive for Luglio, 2008

L’NFL approda su Internet

Scritto da Giammy in Web Tv

Anche la lega professionistica di football americano decide di adeguarsi al crescente fenomeno di tv su internet: infatti, dalla prossima stagione, tutti i Sunday Night della NFL saranno trasmessi in diretta sul sito della lega e su quello della NBC, rete americana che ne detiene i diritti.

L’idea è quella di attrarre un pubblico più vasto e più giovane e mettersi in pari con la MLB e la NBA, che da tempo trasmettono parte delle loro partite sul web. “Questo per noi rappresenta un passo molto importante – conferma il direttore di Nfl Network Steve Bornstein – stiamo cercando di capire quali alternative ci può offrire la rete. Stiamo cercando soluzioni innovative per venire incontro alle esigenze dei nostri fan”. Il match inaugurale sarà quello tra Giants e Redskins che avrà luogo il 4 settembre.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Mediaset cita Youtube per 500 milioni

Scritto da petrescu in Video

Mediaset ha depositato al tribunale civile di Roma un atto di citazione per 500 milioni di euro contro YouTube, il sito di condivisione video di proprietà di Google, per illecita diffusione e  sfruttamento commerciale di file audiovisivi di proprietà delle società del gruppo. Ne dà notizia una nota di Mediaset.

Al risarcimento di mezzo miliardo di euro richiesto per il “danno emergente” vanno aggiunte “le perdite subite per la mancata vendita di spazi pubblicitari sui programmi illecitamente diffusi in rete”, si legge nella nota.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Cosa sta uccidendo la P2PTv?

Scritto da petrescu in Babelgum, IPTV, Joost, NonSoloStreaming, P2P-Tv, Video

Scrivo questo post di riflessione, prendendo spunto da un articoletto letto sul blog di Michele Colitti, DTT e IPTV: chi ci rimette è il P2P; nell’articolo si sostiene che DTT e IPTV, per quel poco fruibili che sono sul territorio italiano, stanno uccidendo quel briciolo di credibilità che è rimasto della p2ptv. In realtà non sono d’accordo per diversi motivi e vedo anche un’altra possibile causa del tracollo della p2ptv.

1. Copertura ADSL
Michele si lamenta della scarsa copertura ADSL che non permetterebbe in Italia di usufruire al meglio del p2p e della p2ptv. Tantomeno dell’IPTV. I dati più recenti che ho trovato, relativi a settembre 2006, riferiscono una copertura del territorio nazionale pari al 90%. Non sarà il 100% , ma non mi sembra un dato malvagio. Il DTT è ancora poco diffuso, è vero, ma se così fosse come farebbe ad uccidere la p2ptv?

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

EZTV e P2P Next incoronano SwarmPlayer

Scritto da petrescu in P2P-Tv

Sul fatto che la maggior parte del p2p sia illegale non ci piove. Questo non toglie che ci siano sempre più piattaforme che cercano di sfruttare questa tecnologia per la diffusione di materiale non protetto. L’esempio più lampante del momento è P2P Next, progetto open source, finanziato con ben 22 milioni di euro dall’Unione Europea e 5-6 dalla BBC.

La notizia che colpisce è che anche EZTV, come P2P Next, vuole utilizzare SwarmPlayer per diffondere stream e dati; un player che usa file torrent leggermente modificati (.tstream) che permettono appunto di diffondere via torrent contenuti in streaming.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

I video sul web batteranno la televisione

Scritto da nanduzzo in NonSoloStreaming, Video

Ricordo che qualche tempo fa, quando si andava al mare, si facevano le fotografie, che al ritorno venivano subito sviluppate, previa estrazione del rullino dalla macchina fotografica, dal fotografo. Eppure, una volta tanto, ho fatto bene a scrivere “Ricordo”, perchè questa è una realtà che non appartiene, nella quasi totalità dei casi, al presente, ma al passato. Adesso tutti girano video e dove li mettono? Su YouTube, mi pare logico!

E’ così nata e si sta diffondendo a macchia d’olio la cultura dei video online, nostri o non, e questo non è un fenomeno che sembra colpire solo ed esclusivamente i giovani.

Continua »

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

Ultimi Commenti

    • Farah: Ti ringrazio per la guida, mi è stata...
    • edoluz: Non facciamo scherzi eh?
    • PK: Una volta installato, si riesce ad aprire...
    • antonio: desidererei anche io un invito. grazie
    • petrescu: crepi amico…all’...
    • flashmotus: hei non mollate ed in bocca al...